Bill Gates è tornato nuovamente a parlare del coronavirus e delle strategie per sconfiggere l’epidemia che messo in ginocchio il mondo intero.

D’altronde da quando la pandemia di coronavirus ha fatto la sua comparsa in Occidente, il magnate americano si è sempre esposto in prima persona sul tema. Lo ha fatto innanzitutto intervenendo in maniera diretta e contribuendo ad alimentare i fondi per la ricerca del vaccino. Ma anche attraverso delle interviste in cui ha lanciato dei moniti chiari e decisi al mondo. 

Coronavirus, Bill Gates ha chiesto un vaccino che sia accessibile a tutti

Alcune settimane fa ad esempio, Gates spiegò che il problema più grave non riguardava la ricerca di un vaccino, che prima o poi sarà sintetizzato. La vera criticità con cui si deve scontrare il mondo è suo parere invece il fatto che nel momento in cui sarà trovato, dovrà essere accessibile a tutti dal punto di vista economico. Un attacco neanche troppo velato al potere detenuto a riguardo fino a questo momento dalle case farmaceutiche. D’altronde, come dargli torto? Come potrebbe l’Africa acquistare tutte le dosi necessarie se il prezzo del futuro vaccino contro il coronavirus fosse equiparato a quelli che sono tutt’ora presenti sul mercato americano? 

Bill Gates: “Non torneremo alla normalità a fine anno”

E adesso, il fondatore di Microsoft è tornato a parlare dell’argomento in un’intervista concessa a Class Cnbc. Secondo Bill Gates, dobbiamo in primo luogo rassegnarci al fatto che non torneremo alla normalità entro la fine dell’anno. E le persone devono dunque iniziare a convivere con questa situazione e non alimentare false speranze a riguardo. Il filantropo ha però poi aggiunto che a suo parere, all’inizio del prossimo il mondo potrebbe ritrovarsi con tutti gli strumenti necessari per sconfiggere il coronavirus. Gates ha affermato che “penso che entro il primo trimestre del 2021 molti vaccini otterranno l’approvazione e, quindi, parallelamente sarà dato il via alla produzione. Di conseguenza usciranno molto velocemente”. Il vaccino resta dunque la vera soluzione al problema. 

Coronavirus, Bill Gates: “La situazione potrebbe migliorare il prossimo anno”

L’unico modo per frenare una pandemia che nelle ultime settimane è tornata duramente a colpire l’Europa. E in questo senso, il fondatore di Microsoft è tornato a ribadire che l’epidemia potrà essere fermato soltanto quando tutto il mondo sarà immunizzato contro di essa. Gates non vede altro modo:  “all’inizio del prossimo anno, la situazione potrebbe decisamente migliorare. In estate avremo un calo significativo dei contagi e dei decessi, ma ovviamente non potremo tornare totalmente alla normalità fin quando non agiremo su scala globale. Ci sono due grandi traguardi che dobbiamo raggiungere. In primis, riuscire a vaccinare tutti gli americani entro la prossima estate e, in secundis, riuscire ad affrontare il contagio a livello globale e abbatterlo ai livelli minimi”.

Leggi anche: Monte Dei Paschi di Siena: condannati Viola e Profumo