Quali sono i nuovi trend destinati a cambiare per sempre il sistema bancario classico?La pandemia in fondo ha semplicemente accelerato un processo già in corso.

L’innovazione tecnologica nel settore finanziario, un fenomeno conosciuto dagli addetti ai lavori con il nome di “Fintech”, è ormai diventata una base fondamentale per rimanere competitivi sul mercato.

E in questa inedita situazione creata dall’epidemia di coronavirus, si sta rivelando l’unico appiglio per continuare a svolgere la propria professione a dispetto di tutto. Per questo, mai come adesso, comprendere quali saranno i prossimi trend in grado di ridefinire il comparto bancario e finanziario è diventato essenziale. 

I trend che cambieranno il sistema bancario: l’ascesa del Fintech

Uno degli obiettivi più ambiziosi del fintech è quello di raggiungere una vera inclusione finanziaria, in cui chiunque, indipendentemente dal proprio stato sociale ed economico, abbia la possibilità di accedere ai servizi offerti.

Anche perché, in tutto il mondo più di un miliardo di persone, a causa del gap tecnologico, risultano escluse dall’accesso ai servizi finanziari. Ma la strada sembra segnata in tal senso, basti solo pensare che la Cina, leader del fintech nel mondo, può già vantare al suo attivo 225 milioni di persone “unbanked”. 

Un’altro cambiamento molto importante da non sottovalutare riguarda la modalità dei pagamenti. Ma qui, è più che altro una questione “fisiologica” di ricambio generazionale. Le nuove generazioni nate dopo il 2000 infatti vivono già in un mondo in cui pagare con la carta è la normalità. Senza trascurare l’avanzata dei sistemi di pagamento basati su blockchain che sembrano ormai destinati entro un paio d’anni a sostituire i pagamenti tradizionali. 

Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale nel settore finanziario

Ogni anno inoltre, l’Intelligenza Artificiale acquisisce nel settore finanziario un’importanza sempre maggiore.

E non è un caso d’altronde se di recente al World Economic Forum sia stata definita come il pilastro chiave della quarta rivoluzione industriale. L’evoluzione della robotica porterà a questo comparto molteplici vantaggi. Si potranno infatti offrire ai propri clienti servizi sempre più intelligenti e personalizzati, in grado di soddisfare ogni loro esigenza.

Da non trascurare anche la rapida ascesa del settore Insurtech che oltretutto ha conosciuto anche quest’ultimo una decisa accelerata dalla pandemia in corso. Sono infatti in costante aumento il numero di persone che si accorge dell’importanza in questo momento storico di una polizza assicurativa sulla vita e sulla salute. 

I nuovi trend del settore bancario: l’Insurtech

Con il termine “Insurtech” si intende il combinato disposto tra settore assicurativo e innovazione tecnologica. Anche qui, lo scopo è quello di mettere la tecnologia al servizio del cliente.

In questa nuova era digitale, l’obiettivo diventa quello di rendere i contratti assicurativi ancora più semplici e convenienti da stipulare. L’azienda Deloitte ha stimato che nel prossimo vedremo sempre più compagnie assicurative investire nel digitale. 

Criptovalute e valute digitali

Non bisogna infine dimenticare l’importanza sempre maggiore che stanno acquisendo le CBCD, ovvero le valute digitali delle banche centrali. Diverse nazioni stanno studiando ormai da tempo la possibilità di creare una criptovaluta centralizzata.

L’ipotesi di un euro digitale è stata confermata ad esempio più volte dalla Banca Centrale Europea. E si tratterebbe da quanto si apprende, di una valuta pubblica che può essere utilizzato tanto dagli intermediari tanto dai consumatori.

E non è certo un caso se di recente Paypal ha deciso di accettare Bitcoin e criptovalute come modalità di pagamento. Il futuro d’altronde va in quella direzione. E lo ha spiegato bene di recente Dan Schulman, presidente amministratore delegato di Paypal dichiarando che “stiamo lavorando con le banche centrali e pensando a tutte le forme di criptovalute e al modo in cui PayPal può avere un ruolo”.

Leggi anche: Innovazione e tecnologia, due Italiani candidati al prestigioso premio EIT 2020