Ancora incentivi governativi per le piccole e medie imprese. A partire da settembre le PMI potranno presentare le domande per richiedere gli incentivi previsti dai bandi “Brevetti+”, “Marchi+” e “Disegni+”. In totale, il Ministero dello Sviluppo economico ha stanziato risorse complessive pari a 38 milioni di euro, così come previsto dal Piano strategico sulla proprietà industriale per il triennio 2021-2023.

L’obiettivo è favorire la “brevettabilità” delle innovazioni tecnologiche e la valorizzazione di marchi e disegni. In particolare, i termini di presentazione delle domande sono i seguenti:

  • dal 28 settembre per il bando Brevetti+, che dispone di 23 milioni di euro;
  • per il bando Disegni+ dal 12 ottobre, con una dotazione di 12 milioni di euro;
  • dal 19 ottobre per il bando Marchi+, con 3 milioni di euro a disposizione.

Ecco le principali caratteristiche dei tre bandi.

I bandi: Brevetti+

Possono presentare domanda sul bando brevetti le Pmi, anche di nuova costituzione, aventi sede legale ed operativa in Italia. Il contributo è finalizzato all’acquisto di servizi specialistici correlati e strettamente connessi alla valorizzazione economica del brevetto.  Sono ammissibili i costi relativi a servizi. Questi devono riguardare la progettazione, ingegnerizzazione e industrializzazione, gli studi di fattibilità, l’ingegnerizzazione del prototipo. Possono essere relativi anche all’organizzazione e sviluppo o riguardare il trasferimento tecnologico. Nel progetto deve essere presente almeno un servizio relativo alla progettazione che deve prevedere costi pari almeno al 60% del costo totale. Il bando sui brevetti prevede la concessione di un’agevolazione in conto capitale, nel rispetto della regola del “de minimis”, fino a 140 mila euro. L’agevolazione non può superare l’80% dei costi ammissibili e non è cumulabile con altre agevolazioni concesse.

Disegni+

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese che, tra gli altri requisiti, abbiano sede legale e operativa in Italia. L’oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello. Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:

  • ricerca sull’utilizzo di materiali innovativi;
  • realizzazione di prototipi e stampi;
  • consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale;
  • consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing) e per la valutazione tecnico-economica del disegno/modello;
  • assistenza legale per la tutela da azioni di contraffazione.

Le agevolazioni sono concesse fino all’80% delle spese ammissibili entro l’importo massimo di 60 mila euro. Nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio.

Marchi+

Il bando prevede due misure agevolative per l’acquisto di servizi specialistici:

  • Misura A – Registrazione di marchi dell’Unione europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale);
  • Misura B – Registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale);

Per la Misura A, sono agevolabili le spese per:

  • Progettazione della rappresentazione;
  • Assistenza per il deposito;
  • Ricerche di anteriorità;
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio;
  • Tasse di deposito presso EUIPO.

Per la Misura B:

  • Progettazione della rappresentazione.
  • Assistenza per il deposito.
  • Ricerche di anteriorità.
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio;
  • Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale.

Per la Misura A, le agevolazioni prevedono un importo massimo per marchio di 6 mila euro. Per la Misura B, l’importo sale a 8 mila euro.