TikTok è stata l’applicazione più scaricata del 2020. Una vera rivoluzione tecnologica per un’app che, inizialmente nata solo per i più giovani, oggi coinvolge universalmente l’utenza di ogni età. Come confermano i numeri della società di analisi “App Annie”, riportati dal quotidiano economico giapponese “Nikkei Asia”, già da un po’ di tempo TikTok supera costantemente Messenger. Non ci credete? Ecco qui: a maggio – secondo i dati mensili di un’altra società di analisi, Sensor Tower – TikTok aveva battuto Facebook. E a gennaio, sempre Sensor Tower, l’aveva decretata come l’app (non di giochi) più redditizia a livello globale con quasi 128 milioni di dollari da parte di utenti paganti. La versione internazionale di TikTok è stata lanciata nel 2017. Ebbene, da allora ha superato Facebook, WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger, tutti di proprietà di Facebook, nei download, anche negli Stati Uniti.

TikTok supera Facebook

I numeri non mentono mai. Tenendo presente, tra l’altro, che per buona parte del 2020 l’app di proprietà della società cinese ByteDance è stata sotto la minaccia del bando statunitense. Divieto revocato dal nuovo presidente americano Joe Biden lo scorso 9 giugno.  Secondo l’analisi di App Annie, TikTok nel 2019 era quarta. Oggi è medaglia d’oro. Basti pensare che nel 2020 dopo TikTok ci sono Facebook, Whatsapp (anche nel 2019 erano al secondo e terzo posto). Sale invece al quarto Instagram che nel 2019 era al quinto (tutte app di proprietà di Zuckerberg). Anche in Italia TikTok sta avendo un grande successo, nonostante sia finita sotto la lente del Garante della Privacy, dopo alcuni fatti di cronaca. Sino ad arrivare a chiedere una stretta ai profili degli utenti “under 13”. A partire dallo scorso 9 febbraio, infatti, gli utenti hanno ricevuto un avviso al fine di indicare la propria data di nascita. Con una serie di restrizioni in base alle fasce d’età.

Il “caso” Khaby Lame

E poi c’è la storia incredibile di Khaby Lame, che con i suoi 100 milioni di follower raggiunti è diventato il primo creator di TikTok in Europa e il secondo al mondo. Il ragazzo torinese di origini senegalesi è considerato un vero e proprio fenomeno con la sua mimica e la sua ironia. L’ex operaio di Chivasso continua la scalata alla vetta della classifica mondiale occupata ancora saldamente da Charli D’amelio, ballerina e influencer americana che sulla stessa piattaforma ha 122 milioni di seguaci. In Italia, Khaby Lame è il più seguito anche su Instagram, dove ha ormai staccato Chiara Ferragni, passata al secondo posto: Lame ha circa 33 milioni di follower, la Ferragni è ferma a 24,5 milioni.

La quotazione in Borsa

Il prossimo step? Lo sbarco alla Borsa di Hong Kong per ByteDance. Entro il 2022. E’ questa la strategia della proprietà cinese di TikTok, secondo quanto riferito dal Financial Times.  D’altronde nel 2020 i cinesi hanno registrato un balzo del 111% nei ricavi rispetto all’anno precedente. Il totale incassato è 34,3 miliardi di dollari. Strabiliante per un gruppo partito da una startup fondata nel 2012 e che include anche Douyin, versione cinese della popolare app dei video brevi dotata di un sistema di pagamento interno (Douyin Pay), Toutiao, dedicata alle news, e il gaming studio Moonton. Secondo un documento circolato fra i dipendenti (110 mila quelli del gruppo), sono stati 1,9 miliardi gli utenti attivi tra tutte le piattaforme a dicembre. Un numero record, con utile lordo 2020 salito del 93%, a 19 miliardi di dollari.