Facebook continua ad investire. E lo fa in Europa. L’obiettivo? Il “metaverso”, vale a dire un nuovo mondo digitale. Stando ai vertici aziendali, nei prossimi mesi saranno assunte 10 mila persone in tutti gli Stati Ue. Come hanno scritto in un post (rigorosamente su FB…) due alti manager, Nick Clegg e Javier Olivan, “Facebook è all’inizio di un percorso per contribuire a costruire la piattaforma informatica del futuro. Lavorando con altre realtà, stiamo sviluppando quello che viene comunemente definito il metaverso, una nuova generazione di esperienze virtuali interconnesse che utilizzano tecnologie come la realtà virtuale e aumentata. Il metaverso si basa sull’idea che rafforzando la sensazione di ‘presenza virtuale’, l’interazione online può diventare molto più vicina all’esperienza che si ha con le interazioni di persona. Il metaverso ha il potenziale di aiutare a sbloccare l’accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche”.

Facebook e l’Europa

Facebook precisa che “nessuna azienda sarà proprietaria del metaverso”. Come nel caso di Internet, la sua caratteristica distintiva sarà di essere aperto e interoperabile. Il banco di prova sarà l’Europa: “Annunciamo un piano per creare 10 mila nuovi posti di lavoro nell’Unione europea nei prossimi cinque anni. Questo investimento è un voto di fiducia nella forza dell’industria e nel potenziale del talento tecnologico europeo” fanno sapere a Menlo Park, in California. Già. Ma perché il Vecchio Continente? L’Ue offrirebbe una serie di vantaggi davvero concorrenziali. Innanzitutto, si tratta di un mercato di consumo di grandi dimensioni. Oltre a “università eccellenti e, soprattutto, talenti di alto profilo”. E ancora: “Le aziende europee sono all’avanguardia in diversi campi, che si tratti della biotecnologia tedesca che ha contribuito a sviluppare il primo vaccino mRNA o della coalizione di neo-banche europee che stanno facendo da apripista al futuro della finanza”.

Il Mercato Unico Digitale

Nei piani di Facebook, l’Europa è un’opportunità preziosa per accelerare nel piano di dar vita al “Mercato Unico Digitale” da tempo auspicato dai vertici aziendali. Clegg e Olivan sottolineano: “I politici europei sono in prima linea nell’aiutare a includere valori europei, come la libertà di espressione, la privacy, la trasparenza e i diritti delle persone, nel funzionamento quotidiano di internet. Facebook condivide questi valori e nel corso degli anni abbiamo intrapreso azioni significative per sostenerli. Speriamo di vedere il completamento del Mercato Unico Digitale per sostenere ulteriormente gli attuali punti di forza dell’Europa, così come la stabilità sui flussi di dati internazionali che sono essenziali per una fiorente economia digitale”.

Ingegneri specializzati

Già. Come spiega “Il Sole 24 Ore”, per trasformare il metaverso in realtà Facebook ha urgenza di trovare ingegneri altamente specializzati. “Non vediamo l’ora di lavorare con i Governi di tutta l’Ue per trovare le persone giuste e i mercati giusti per portare avanti questo obiettivo, come parte di una prossima campagna di reclutamento che avverrà in tutta la regione. E mentre Facebook continua a crescere in Europa, speriamo di investire di più nel suo talento e continuare a innovare in Europa, per l’Europa e il mondo”, concludono i dirigenti del colosso americano.