Mikkeller ha stretto uno storico accordo commerciale con Burger King. A breve infatti, le birre artigianali prodotte dall’azienda danese saranno disponibili nella famosa catena di fast food. 

Ad annunciarlo ufficialmente è stata la pagina Facebook del birrificio, che ha di fatto confermato le indiscrezioni che già circolavano su questa inedita collaborazione. 

Mikkeller: una birra creata appositamente per Burger King

Inoltre, sempre nel posto pubblicato su Facebook, Mikkeller ha anche dichiarato di aver realizzato una birra apposita per Burger King. Si tratta però di un’analcolica, con tanto di lattina personalizzata, che entrerà a far parte nel progetto “ World Gourmet” della storica catena di fast food. 

Il birrificio danese è tra i più particolari che esistono al mondo. Questi infatti realizza le sue birre “viaggiando” per il mondo. 

L’azienda per la sua produzione si serve sempre di impianti e attrezzature affittate o prese in prestito da altri birrifici. Questa nuovo accordo stretta dall’impresa danese va a fortificare una rete di partnership già molto strutturata. 

Mikkeller produce infatti più di 40 tipologie di birre vendute in tutto il mondo. E oltre a questo, vanta già al suo attivo collaborazioni con tantissimi ristoranti internazionali. 

Burger King: una partnership storica per crescere ulteriormente

Anche per Burger King si tratta di una svolta storica. Un’ulteriore fase di ammodernamento dell’azienda che era già iniziato con la creazione dei Whooper Bar. Una scelta che aveva già fatto intendere come la catena di fast Food avesse già deciso di sfidare la tradizione per proiettare il suo business in un futuro diverso e più vario.

Perchè se è vero che Mikkeller ha creato un’apposita birra analcolica, la vera novità per i clienti di Burger King, sarà proprio che adesso avranno la possibilità di consumare anche birra artigianale all’interno dei locali. 

Soltanto Starbucks aveva in qualche modo anticipato le scelte del colosso americano. Il progetto della famosa catena di caff statunitense è stato però molto più limitato. Starbuck si è infatti limitato ad aprire a Seattle, in via sperimentale, un “ 15th Avenue Coffe and Tea” in cui i clienti potevano consumare alcolici di vario tipo. 

Burger King e la birra: è iniziato tutto nel 2017

L’idea di inserire la birra nel proprio menù fa parte di un progetto commerciale iniziato nel 2017. A quei tempi infatti, il settore Fast Food, dopo anni di continua crescita ed espansione, si trovava in forte difficoltà.

Il mercato stava cambiando e i consumatori stavano gradualmente cambiando approccio al cibo. McDonald rispose a questa crisi inserendo dei cibi più salutari, mentre Burger King fece una scelta molto diversa. Decise infatti per la prima volta di affiancare ai suoi famosi hamburger la possibilità di consumare alcolici. 

Non fu una scelta semplice per la multinazionale americana. In primo luogo perché ha dovuto prima ottenere una licenza per la vendita di alcolici. Una procedura che negli Stati Uniti è tutt’altro che semplice. Inoltre le restrizioni Usa a riguardo, hanno inficiato completamente il concetto stesso che sta alla base di fast Food.

Il consumatore non poteva più infatti selezionare e prendere le sue bevande da solo. La birra doveva essere ordinata direttamente al bancone, facendo perdere così una caratteristica distintiva del settore, la velocità di consumo. 

Ma alla fine la scelta di Burger King si è rivelata vincente. E adesso, soltanto tre anni dopo, l’accordo con Mikkeller rappresenta un ulteriore passo verso una trasformazione totale della catena di Fast Food. 

Mikkeller e Burger King: le dichiarazioni ufficiali dei due colossi sull’accordo raggiunto

Una volta arrivata l’ufficialità, sono di seguito arrivate naturalmente dei commenti da parte di entrambe le aziende. Il fondatore del birrificio danese Mikkel ha spiegato che attraverso questa partnership Mikkeller aggiunge un altro tassello a quello che da sempre è stato un suo obiettivo di sviluppo.

Democratizzare la birra artigianale di alta qualità e aumentare lo standard generale della birra. “. Queste le parole di Mikkel che poi spiegato che attraverso questo nuovo accordo commerciale si continuerà nel tentativo di raggiungere una platea sempre più vasta di consumatori. 

Leggi anche: Nuovo scandalo finanziario in Germania, il caso Wirecard

Per quanto riguarda Burger King, il compito di commentare questa inedita intesa commerciale è toccato a Daniel Schroeder, responsabile del marketing in Scandinavia. Questi ha dichiarato che “è davvero un piacere poter offrire l’intera esperienza di hamburger gourmet e birra di qualità a un vasto pubblico. La collaborazione con Mikkeller è stata davvero entusiasmante e positiva sin dal primo giorno.”