Il Gruppo Ferrero non finisce più di espandersi. E punta decisamente sulla Gran Bretagna. Dopo l’acquisizione del celebre marchio della “Northern Food Grocery Group Limited”, azienda produttrice degli storici biscotti inglesi Fox’s, ecco arrivare ora un nuovo colpo da novanta. La multinazionale di Alba, nel Cuneese, informa di aver raggiunto un accordo per acquisire “Eat Natural”, produttore di barrette di cereali, muesli tostato e granola di alta qualità. Si tratta di una società leader di mercato in Gran Bretagna. Nell’ambito dell’operazione, il Gruppo Ferrero ingloberà le strutture produttive di Halstead, nel Regno Unito, e prevede di mantenere il management e i dipendenti delle attività.

Eat Natural

Eat Natural è stata fondata 23 anni fa da Preet Grewal e Praveen Vijh ed è cresciuta fino a diventare una forza considerevole nel settore degli healthy snacks. Fin dal primo giorno, “non ha mai usato conservanti o ingredienti diversi da quelli della dispensa di casa. I prodotti vengono fabbricati ancora allo stesso modo, in piccoli lotti e principalmente a mano”, si legge in una nota ufficiale di Ferrero. Il marchio impiega oltre 300 persone che producono sia barrette di frutta e frutta secca, sia cereali nel “laboratorio” di Halstead, nell’Essex. Il fatturato è di 55,5 milioni di euro. Al 5 settembre 2020 le vendite annuali degli snack prodotti e distribuiti in 25 Paesi registravano un aumento in valore di 4,1 milioni di sterline (dati Nielsen). “L’idea originale alla base di Eat Natural è rimasta la stessa fino a oggi: genuinità, realizzazione a mano e attenzione al gusto senza compromessi”.

Percorso condiviso

“Eat Natural è un’ottima scelta strategica per il Gruppo Ferrero che ci consente di continuare a espandere la nostra presenza complessiva e l’offerta di prodotti nel segmento di mercato degli healthy snack – dice Giovanni Ferrero (nella foto), presidente esecutivo dell’azienda italiana -. Eat Natural è un’impresa a conduzione familiare che condivide alcuni dei nostri stessi valori. Come noi, ha a cuore i consumatori, l’ambiente e le comunità in cui operiamo. Non vedo l’ora di dar loro il benvenuto nel Gruppo Ferrero”. Un auspicio condiviso anche da Praveen Vijh, co-fondatore di Eat Natural: “Ferrero è un’azienda favolosa e siamo onorati di entrare a far parte della loro famiglia. Abbiamo molti principi etici condivisi, la stessa visione, la volontà di produrre e rendere disponibili a tutti snack sempre più salutistici. Come noi, anche loro vantano un forte impegno per quanto riguarda gli ingredienti, il gusto e lo storytelling. Non vediamo l’ora di iniziare”.

La “fortuna” di Ferrero

Insomma, nell’anno più brutto dal secondo Dopoguerra ad oggi, pare proprio che la casa della Nutella non conosca crisi. Anzi. A fine 2020, secondo la “Real Time Billionaires” di Forbes, sono in totale 40 i Paperoni del nostro Paese con un patrimonio netto superiore al miliardo di dollari. Un aumento considerevole rispetto allo scorso marzo, quando in classifica erano solo 36. Cresciuto sensibilmente in pochi mesi anche il patrimonio combinato: dai 125,6 miliardi di marzo ai 182,1 miliardi del 15 dicembre 2020. Otto invece le donne presenti. Ebbene, in testa c’è sempre lui, Giovanni Ferrero, presidente esecutivo dell’azienda di famiglia. Il patrimonio? La fortuna ammonterebbe a 27,5 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 24,5 miliardi di marzo.