Era Digitale. Come si è evoluto nel tempo il ruolo del manager e quali sono i cambiamenti epocali della Digital Transformation? Cosa ci si attende, oggi e per il futuro, da chi ricopre questo ruolo strategico nell’organizzazione?

Sin dalle origini del management l’indagine sulla natura del lavoro e del ruolo manageriale accompagna gli studi dell’organizzazione aziendale.

In particolare, si vuole sondare come l’innovazione digitale non sostituisca il manager aziendale. Bensì svolga un ruolo “ancillare”, venendo ad impattare sui processi decisionali, sugli studi dei comportamenti organizzativi e sugli stili di leadership.

Nell’era digitale cambia il modo di lavorare in team e cambia il flusso comunicazionale interno ed esterno all’organizzazione.

Con la massiva diffusione dell’Information and Communication Technology (ICT), le strutture organizzative snelle o “piatte” sono e rappresentano il risultato di processi di delayering, processi di delega, empowerment dei collaboratori, re-ingegnerizzazione dei processi e “crisi” del modello gerarchico-burocratico.

Tali cambiamenti organizzativi rimettono in discussione il ruolo del manager. Una figura che inevitabilmente subirà mutamenti nei processi di trasformazione digitale delle organizzazioni, del mondo del lavoro e della società.

Era Digitale: come cambierà il ruolo del Manager?

L’evoluzione dell’intelligenza artificiale e della robotica e la crescente disponibilità di grandi quantità di dati, di diversa natura e provenienti da molteplici fonti (i cosiddetti Big Data) stanno ridisegnando i confini del lavoro umano nelle organizzazioni e stanno ridefinendo il contributo che l’IA (Intelligenza Artificiale) può apportare ai processi di planning, decisione, implementazione strategica, coordinamento e controllo nelle organizzazioni contemporanee.

La Digital Transformation sta modificando le coordinate spazio-temporali del lavoro e abilitando la diffusione di nuove soluzioni: smart working (lavoro agile) e activity-based working (riorganizzazione degli spazi nei luoghi del lavoro) stanno riposizionando anche i ruoli e le relazioni tra manager e collaboratori aziendali.

Sullo stesso argomento: Digital Trasformation: Evoluzione naturale dei modelli di business

Che impatto avrà l’Intelligenza Artificiale?

Nell’attuale era digitale gli studi organizzativi si concentrano sull’impatto potenziale che la robotica e l’intelligenza artificiale avranno sul mercato del lavoro, e sulle competenze richieste nel prossimo futuro.

L’intelligenza artificiale cambierà sempre di più il ruolo del Top Manager aziendale, ma non lo sostituirà, anzi espleterà un ruolo ancillare e porrà nuove sfide.

I ricercatori, sondando il processo di misurazione dell’impatto del cloud computing e del Machine Learning (apprendimento automatico) nella gestione manageriale, hanno rivelato tre problemi che potrebbero inibire un’efficace “unione” tra manager e macchina.

In primis, c’è uno scostamento tra i ruoli manageriali:

solo il 14% dei manager di prima linea e il 24% dei quadri intermedi concordano in pieno che si fiderebbero della consulenza di sistemi intelligenti per prendere decisioni di business in futuro”.

Tenendo in considerazione il fatto che le macchine intelligenti siano entrate in scena solo di recente, non vi è un iter preciso e chiaro da seguire, che porti alla realizzazione di un’opportunità e di un miglioramento della produttività aziendale.

I manager non hanno ben compreso ciò di cui avranno bisogno per prosperare in una partnership con le macchine intelligenti.

Ma cosa ne pensano i manager dei vari settori? Quale impatto avrà l’IA e il machine learning su task, pratiche, processi, cultura e competenze dei “lavoratori della conoscenza”?

I manager del settore High Tech sottovalutano le capacità di relazione interpersonale necessarie per utilizzare le macchine intelligenti al massimo potenziale.

Via via che ci si sposta verso la parte inferiore della scala gerarchica, nel settore energetico, la fiducia verso i sistemi intelligenti si riduce drasticamente.

Era digitale: le sfide dell’IA e del machine learning

Fujitsu, importante società giapponese di IT ha pubblicato nel 2017 un interessante report intitolato “The Digital Transformation PACT”.

Da esso emergono le forti difficoltà nell’attuazione della Digital Transformation.

L’apprendimento automatico e le macchine renderanno il lavoro più efficace e interessante.

Per fare sì che i manager si “uniscano” alla digitalizzazione e alle macchine è fondamentale saper “radunare le truppe”.

I manager dovranno sfruttare sempre di più le proprie capacità interpersonali e creare un forte interesse su come le macchine intelligenti possano fungere da supporto al “lavoro della conoscenza”.

Un’altra sfida che i manager devono sapere cogliere è accrescere il giusto ventaglio di competenze e di skills sul posto di lavoro.

I manager necessitano di competenze (hard e soft) che sono considerate strategiche per guidare la performance organizzative e per costruire team e incoraggiare nuovi modus operandi.

Alla luce degli attuali cambiamenti contestuali e dello scenario macroeconomico globale, i manager di ogni organizzazione devono essere disposti a sperimentare per poter identificare nuovi usi delle macchine e della tecnologia, che danno più senso alle loro organizzazioni e ai loro team.

Un nuovo approccio al Business

Ogni manager che voglia introdurre la trasformazione digitale nella sua azienda deve essere consapevole che è necessario un nuovo approccio al business, un cambiamento di mentalità.

In conclusione, le 5 competenze digitali che ogni manager deve possedere per affrontare le sfide future sono sintetizzabili nelle seguenti:

  1. avere una vision chiara da comunicare ai collaboratori e all’intera struttura organizzativa;
  2. migliorare l’alfabetizzazione digitale. Delegare e lavorare in team e sviluppare una visione orientata all’innovazione e condivisione delle conoscenze e delle caratteristiche di un ambiente di lavoro digitale;
  3. agire come “facilitatori” e assicurarsi che tutti nell’organizzazione traggano vantaggio dalla trasformazione digitale;
  4. saper sperimentare;
  5. devono porre le persone al primo posto.

La strada per i manager aziendali è ancora tutta in salita: gli stessi leader devono sapere cogliere le sfide crescenti derivanti dall’innovazione tecnologica e dalla Digital Transformation.

Benvenuta era digitale!