Il governo ha approvato una nuova dilazione dei pagamenti previsti dalla rottamazione ter saldo e stralcio. 

L’approvazione definitiva avvenuta in questi giorni della legge che convertirà in decreto il Sostegni Bis, ha portato già una prima e importante conseguenza. Si allunga infatti in modo automatico l’arco temporale entro il quale i cittadini dovranno pagare le rate relative alla rottamazione ter saldo e stralcio. Rispetto al termine ultimo fissato in precedenza, il governo ha infatti deciso di dilazionare ulteriormente la data per i pagamenti. 

Rottamazione Ter, somme dovute saranno nuovamente rateizzate

Le somme dovute al fisco dai contribuenti coinvolti, vengono dunque nuovamente rateizzate.

Inoltre, non  dovranno più essere pagate entro la data del 31 Luglio, come stabilito in precedenza. Nel nuovo decreto, vengono dunque modificati i termini del pagamento per venire incontro a tutti quei contribuenti morosi con il fisco, che a causa delle conseguenze economiche della pandemia, continuano a trovarsi in una situazione di forte difficoltà economica.

La possibilità per i cittadini, è adesso di poter dividere e saldare i debiti contratti con l’Agenzia delle Entrate in quattro rate. La prima entro la data del 31 Luglio, la seconda entro la data del 31 Agosto, la terza entro la data del 30 Settembre e la quarta entro la data del 31 Ottobre. 

Non subisce modifiche la rata relativa al mese di Novembre

Resta invece invariata, come disposto dal precedente decreto, la rata del 30 Novembre. Quest’ultima si riferisce al pagamento di tutte le rate che sono scadute nel 2021 e che non risultano ancora saldate. Vengono inoltre concessi cinque giorni di tolleranza per completare il pagamento dell’importo dovuto al fisco.

Superato questo termine però, il contribuente perde immediatamente il diritto all’agevolazione concessa dallo stato. A quel punto, verranno ripristinate le normale procedure di riscossione. 

Rottamazione Ter, l’Agenzia delle Entrate pubblica alcuni documenti per i cittadini

Per agevolare il cittadini nella comprensione di queste nuove modifiche sulla rottamazione ter saldo e stralcio, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato alcuni documenti sul proprio sito istituzionale. Questi riguardano i piani di pagamento previsti dal decreto e consultandoli, il cittadino avrà la possibilità di verificare se alcuni sono debiti sono interessati da questa nuova dilazione. 

Laddove questi soddisfino i requisiti previsti dal condono, si potrà stampare liberamente il modello inerente al versamento delle rate ancora non corrisposte. 

Sostegni Bis, nuovi fondi per imprese e liberi professionisti

Con l’approvazione del decreto in Senato inoltre, il governo ha introdotto dei nuovi aiuti economici. Questi sono destinati anche alle imprese e ai liberi professionisti. Viene infatti creata una tipologia di contributo a fondo perduto per tutte le aziende che hanno registrato ricavi fino alla soglia massima di 15 milioni di euro. Si tratta di un provvedimento che di fatto, allarga la platea dei beneficiari delle precedenti misure.

Vengono poi previsti dei nuovi aiuti economici per alcune categorie lavorative che fino ad adesso, sembravano essere state un po dimenticate dal governo. Nuovi indennizzi vengono infatti destinati al settore del wedding ma non solo. 

Leggi anche: Riforma fiscale, approvato documento con linee guida

È infatti l’intero segmento Ho.re.ca ad essere coinvolto in questi nuovi fondi per aiutare i cittadini a reggere le conseguenze economiche lasciate dal covid. Il finanziamento previsto per questo comparto economico nel 2021, è pari a circa sessanta milioni di euro.